QdC® in campo per la sostenibilità ambientale

Fonte immagine: CBC Europe

notizie ed eventi

QdC® in campo per la sostenibilità ambientale

Fra le diverse funzionalità a disposizione dei propri utenti, la piattaforma di Image Line permette la gestione agevole delle buffering zone e delle attività di confusione sessuale e disorientamento: due ambiti che permettono di tutelare gli elementi naturali e di agire a difesa delle colture in maniera sostenibile.

25 agosto 2021

Produrre di più e meglio, intendendo con “meglio” anche “con maggiore attenzione per l’ambiente”, tutelando il territorio circostante, la salute delle persone e del pianeta: è questa una delle grandi sfide del mondo agricolo attuale. In questa partita per la sostenibilità e per la riduzione dell’impatto ambientale dell’agricoltura, QdC® – Quaderno di Campagna® si schiera in campo a sostegno sia dei produttori che dell’ecosistema permettendo ai propri utenti di gestire con semplicità ed efficacia alcune tecniche rilevanti e di rispettare alcune norme specifiche.

È il caso delle buffering zone, o aree di rispetto che la normativa prevede per evitare che gli agrofarmaci entrino in contatto con alcune aree sensibili, ma anche di alcune tecniche di difesa biologica come la confusione sessuale o il disorientamento che non puntano all’eliminazione degli insetti dannosi per una determinata coltivazione ma semplicemente a evitare che questi parassiti prolifichino in modo incontrollato. In entrambi i casi, grazie a QdC®, la gestione di questi aspetti sarà semplice e immediata, con i ringraziamenti dell’ambiente!
 

Attenzione alle aree di rispetto!

Nel “Documento di orientamento Prodotti fitosanitari - Misure di mitigazione del rischio per la riduzione della contaminazione dei corpi idrici superficiali da deriva e ruscellamento” pubblicato dal Ministero della Salute si definisce Area di Rispetto (o buffer zone): “un’area non trattata che separa un’area trattata da un corpo idrico o da un’area sensibile da proteggere”. In sostanza, si tratta di un’area (con misure che variano dai 5 ai 30 metri) che separa il campo/vigneto/frutteto etc… su cui andremo a effettuare i diversi trattamenti e l’elemento da proteggere (un corso d’acqua, un lago ma anche un’abitazione, una strada, un parco pubblico): uno spazio sufficiente (e con caratteristiche specifiche) a evitare che i trattamenti possano causare effetti indesiderati sul territorio circostante.

L’obiettivo è quello di tutelare gli organismi acquatici, artropodi utili e piante non bersaglio, oltre a evitare il contatto diretto della popolazione con prodotti fitosanitari: per questo, quando si inseriscono le unità produttive su QdC® si possono indicare le distanze da eventuali soggetti da tutelare e la piattaforma, nel momento in cui inseriremo un trattamento con uno specifico agrofarmaco verificherà il rispetto delle buffering zone o segnalerà la necessità di ridurre la superficie trattata.

In questo modo, con pochi e semplici passaggi (e grazie alle banche dati costantemente aggiornate di QdC®) saremo certi di rispettare le norme di legge e, al tempo stesso, di tutelare l’ambiente circostante e tutte le persone e le creature che lo abitano.
 

Quando la lotta si fa “green”

Fra le tecniche più importanti di difesa delle colture contro gli insetti dannosi ammesse in agricoltura biologica si annoverano soprattutto la confusione e il disorientamento sessuale. La prima prevede di utilizzare i feromoni femminili per il richiamo dei maschi: gli erogatori saturano l'ambiente e non permettono agli esemplari maschili di intercettare le scie naturali prodotte dalle femmine, impedendone quindi l’accoppiamento. Il disorientamento, invece, utilizza ferormoni di sintesi per impedire l’incontro fra esemplari di sesso opposto: gli erogatori creano numerose false tracce che predominano sul richiamo naturale degli esemplari femminili disorientando, letteralmente, i maschi. In entrambi i casi, quindi, vengono utilizzate delle tecniche che non prevedono l’utilizzo di agrofarmaci: è, tuttavia, importante applicare gli erogatori di ferormoni con grande tempestività perché questa tecnica risulta efficace soprattutto nell’impedire la proliferazione degli insetti nelle prime fasi di sviluppo.

Su QdC® si possono registrare le operazioni di confusione e disorientamento sessuale, indicando il numero di erogatori di feromoni applicati per ettaro: la piattaforma di Image Line verificherà in automatico che l’operazione sia corretta, nel rispetto dei Disciplinari e delle norme sul Biologico e riporterà l’attività nelle stampe, tra i trattamenti fitosanitari.

Altri articoli nella categoria “notizie ed eventi

Richiedi la prova gratuita di QdC®

Inserisci i tuoi dati e provalo per 15 giorni

* campi obbligatori

© Image Line srl Unipersonale • P.IVA IT 01070780398 • Cap. Soc. 500.000€ I.V.
Termini e condizioniPrivacy PolicyCondizioni d'acquistoPagamento sicuro