2019

10

Giovani e agricoltura, un matrimonio di successo

Fatturato e superfici sopra la media per i giovani che investono nell’agricoltura. E il bando Ismea per le agevolazioni premia Emilia-Romagna, Toscana e Puglia.

formazione-giovani-internet-tecnologie-by-goodluz-adobe-stock-750x500.jpeg

Fonte immagine: © goodluz - Adobe Stock


Ci sono e anche in tanti. I giovani tornano ad amare l’agricoltura. I numeri confermano un trend che va avanti ormai da qualche anno, dopo un periodo di calo che aveva destato qualche preoccupazione. E lo conferma anche l’istantanea che arriva direttamente dagli operatori: sono sempre di più i ragazzi che decidono di investire sulla terra.
Una recente analisi di Coldiretti rivela che l’Italia è al vertice in Europa per numero di giovani in agricoltura. Mentre l’ultimo bando di Ismea relativo alle agevolazioni finalizzate proprio all’insediamento di giovani in agricoltura ha fatto il pieno di domande. Andiamo a scoprire lo scenario insieme a QdC® - Quaderno di Campagna®.
 

Coltivatori under 35, il segreto è l’innovazione: Italia prima in Europa

Non è soltanto una questione di interesse da parte dei giovani, ma soprattutto di conoscenze: le nuove generazioni hanno rivoluzionato il lavoro in campagna, se si considera che il 70% delle imprese giovanili è impegnato in agricoltura, con attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo, fino alle attività ricreative e all’agricoltura sociale per l’inserimento di disabili, detenuti e tossicodipendenti.

L’Italia, come emerge da una recente analisi di Coldiretti, è al vertice in Europa per numero di giovani in agricoltura con gli under 35 che sono alla guida di 57.621 imprese (dato 2018), in aumento del 4,1% rispetto all’anno precedente. E ancora: le aziende agricole condotte dagli under 35 possiedono una superficie superiore di oltre il 54% alla media, un fatturato più elevato del 75% e il 50% di occupati per azienda in più.

Un contributo importante è fornito anche dalle donne, che rappresentano un terzo delle aziende agricole. I motivi di questo successo? La capacità delle generazioni più giovani di governare le nuove tecnologie, anzitutto, in un momento di svolta per il settore. Che è tornato a essere strategico per la ripresa economica ed occupazionale.
 

La spinta dei fondi Ue e l’ostacolo burocrazia

L’interesse dei giovani per l’agricoltura – chi sceglie di dedicarsi alla terra non sempre viene da famiglie già impegnate nel settore – è testimoniato anche dall’aumento degli studenti di agraria alle superiori e alle università. Se una spinta decisiva alla scelta di lavorare in agricoltura è data dai fondi europei, gli ostacoli principali risiedono nel costo spesso elevato della terra e nella burocrazia: più di 3 richieste di nuovo insediamento su 4 (78%) al sud non sono state accolte per colpa degli errori di programmazione delle amministrazioni regionali con il rischio concreto di restituzione dei fondi disponibili a Bruxelles.
 

Nuovi agricoltori, la mappa dei contributi Ismea

Di recente sono state pubblicate le graduatorie dell’ultimo bando Ismea relativo alle agevolazioni per l’insediamento di giovani in agricoltura. L’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare, attraverso tale bando, intende sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda. Due i lotti, ognuno con una dotazione di 35 milioni di euro: il primo comprende Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige, Valle d'Aosta, Veneto, Lazio, Marche, Toscana e Umbria; il secondo Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.
Scorrendo l’elenco delle domande ammesse alle agevolazioni, emerge che nel lotto 1 Emilia-Romagna e Toscana sono in testa per numero e valore dei contributi. Per quanto riguarda il sud, la maggior parte delle risorse andrà alla Puglia. Seguono Sardegna e Sicilia.
 
Sei un giovane imprenditore che ha scelto di investire nell’agricoltura? QdC® - Quaderno di Campagna® è il partner perfetto per la tua azienda agricola: ti permetterà di compilare il registro dei trattamenti a norma di legge e, grazie al collegamento con banche dati integrate costantemente aggiornate dedicate ad agrofarmaci e fertilizzanti, controllerà automaticamente che ogni trattamento fitosanitario o fertilizzazione sia ammissibile. A questo, QdC® aggiunge tante altre funzionalità per supportarti nella produzione e nella gestione di tutti gli aspetti della tua azienda.

  Pubblicato in notizie ed eventi

Ti potrebbero interessare anche...

Sei un tecnico? QdC® ha pensato a te!

Sei un tecnico? QdC® ha pensato a te!

QdC® - Quaderno di Campagna® ha lanciato una promozione per la versione multiaziendale, pensata per venire incontro alle esigenze di tecnici e consulenti che devono gestire efficacemente un numero consistente di clienti

8 nov 2019
Tracciabilità a portata di smartphone con QdC®

Tracciabilità a portata di smartphone con QdC®

QdC® - Quaderno di Campagna® permette di generare QR Code da inserire nelle etichette: così il consumatore può risalire all’origine dei prodotti e conoscerne ogni informazione

31 ott 2019

Richiedi la prova gratuita di QdC®

Inserisci i tuoi dati e provalo per 1 mese

* campi obbligatori

Sai già che QdC® ti può aiutare?

Scopri come acquistare


  Cerca


  Categorie

 

QdC® - Quaderno di Campagna® è un servizio realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)